Escursioni da 1 a 7 giorni per scoprire luoghi vicini ma molto diversi tra loro.

Se il viaggio inizia a Fez, noi organizziamo:

  • Visite guidate alla città di Fez.
  • Escursioni da 1 a 7 giorni per scoprire luoghi vicini ma molto diversi tra loro.
  • Fuga nel deserto.
  • Alloggio di charme.
    Ci occupiamo della prenotazione di alloggi in hotel e Riad.
    Contattaci e ci prenderemo cura delle tue preferenze di tipo, luogo e categoria.
  • Trasferimento aeroportuale.
    Abbiamo servizio di trasferimento da e per l’aeroporto. Dicci l’ora e un autista ti aspetterà.

Incluso

  • Pick up e trasferimento dall’hotel
  • Guida ufficiale di lingua spagnola

 

Non incluso

  • L’ingresso al recinto
  • La punta

Modalità

Escursione di 1 giorno da Fez

Visita alla città imperiale di Meknes

Situata sull’altopiano di Saís, le sue origini risalgono all’XI secolo, quando una tribù berbera conosciuta come Meknassa vi costruì un’alcazaba. Meknes fu la capitale del Marocco con il regno del sultano Mulay Ismail, tra il XVII e il XVIII secolo, dopo la morte del sultano alawita, la capitale fu spostata a Fez.

Entreremo nel muro di Meknes attraverso la porta di Bab al Mansur o porta del Rinnegato, considerata una delle più belle del Marocco. Patrimonio mondiale dell’UNESCO. La porta è indebolita da due torri quadrate dove un testo afferma che non ce n’è un’altra simile a Damasco o ad Alessandria. Secondo la leggenda,“Mulai Ismail ha chiesto all’architetto se poteva costruire un’altra porta uguale a Bab al Mansur e, come ha detto di sì, l’ha fatta uccidere”.

Continueremo la visita attraverso la medina che conserva le sue strade strette e tortuose, vedremo la medraza di Bu Inania, del XIV secolo e cammineremo attraverso i souk che sono raggruppati intorno alla grande moschea, fondata nel XI secolo dagli Almoravidi.

Visita alla città romana di Voloubilis e alla città santa di Mulay Idris.

Fondata nel III secolo a.C., la città di Volubilis fu un importante avamposto militare dell’Impero Romano in cui furono eretti molti monumenti di grande bellezza; le sue estese rovine conservano strade, archi trionfali e notevoli mosaici. Catalogato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Vicino al sito archeologico, e situato in una fertile regione agricola, si trova la città di Mulay Idris, costruita su una roccia, uno dei più famosi luoghi di pellegrinaggio in Marocco. Il Mausoleo (Zaouia) di Mulay Idris è un santuario dedicato al re del Marocco tra l’807 e l’828 e fondatore della città. Mulay Idris è il santo più venerato di tutto il paese e migliaia di musulmani visitano il mausoleo per ottenere la sua benedizione.

Visita alla città imperiale di Rabat

Rabat, capitale del Regno del Marocco, visiteremo il centro storico della città che nel 2012 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

L’attrazione turistica più importante di Rabat è la Kasbah dell’Udayas, una città fortificata unica nel suo genere con le sue mura bianche e blu, l’ingresso alla Kasbah è attraverso la porta monumentale di Bad Udaya Almohad architettura. La Kasbah degli Udayas fu costruita dai sultani Almohad Abd-el-Moumen e Yaqub al-Mansur nel XII secolo e il suo nome deriva dalla tribù degli Udayas, la cui missione era di proteggere la città.

Continueremo la nostra visita attraverso Rabat alla Torre di Hassan e al mausoleo del sultano Mohamed Ben Yusef, conosciuto anche con il nome del re Mohamed V, un monarca molto apprezzato dal popolo marocchino. Il mausoleo contiene la tomba di Mohammed V e dei figli Hassan e Moulay Abdellah II, ed è stato costruito tra il 1961 e il 1971; 10 anni di lavoro in cui hanno collaborato più di 400 artisti marocchini. Il progetto del mausoleo è stato realizzato dall’architetto vietnamita Eric Vo Toan, ed è in stile arabo-andaluso classico nell’ambito dell’arte tradizionale marocchina.

Dopo la visita culturale di Rabat partiamo in direzione di Fes, tra l’altro faremo una pausa nella foresta della Mamora, un luogo di pace e bellezza dove potremo rilassarci in questa magnifica foresta considerata come la più grande foresta di querce da sughero del mondo, dichiarata Riserva della Biosfera.

Da Fez a Sefrou, Ifrane e le montagne del Medio Atlante

La mattina presto partiamo per Sefrou, città medievale con la sua magnifica medina protetta da mura settecentesche. Sefrou significa in lingua berbera “luogo da nascondere”, la città deve il suo nome alla tribù degli Ayt Sufru, tribù berbera di religione ebraica dei primi secoli della nostra epoca. Il Festival delle ciliegie di Sefrou è iscritto dall’UNESCO come Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dal 2012. Ogni anno, nel mese di giugno, gli abitanti della città di Sefrou celebrano per tre giorni le bellezze naturali e la ricchezza culturale della loro regione, simboleggiata dalla ciliegia. Il mercato settimanale di Sefrou è interessante, attira berberi dai dintorni ed è un buon posto per vivere la cultura della regione.

Continueremo fino al parco nazionale di Ifrane, situato nel Medio Atlante in una zona montuosa a 1713 metri di altitudine e con un clima freddo, che ha influenzato il soprannome della piccola Svizzera africana, cammineremo per le famose foreste di cedri centenari dove vive una delle ultime comunità di scimmie barbaresche, una specie di macaco che si può vedere solo qui e a Gibilterra.

Visita alla città proibita di Chauen

Da Fez partiamo in mattinata per il paese di Chauen, situato ai piedi del Rif. Città sacra, famosa per i suoi ripidi passaggi bianchi e blu.

La Medina è la parte vecchia della città. Entreremo nella Medina attraverso una delle sue cinque porte in direzione della Grande Moschea, cammineremo per le strade serpentine di case bianco-azzurro che contrastano con la grande varietà di colori dei diversi prodotti delle botteghe e dei bazar, gli odori del pane appena sfornato dal forno a legna o del Tajin pronto per il pasto rendono la passeggiata una festa per tutti i sensi. Dopo una passeggiata ci siederemo a prendere un tè alla menta sulla terrazza di un caffè in piazza Uta el-Hammam, la più vivace della medina di Chauen, presieduta dalla cittadella e dall’eccezionale minareto ottagonale della Grande Moschea; lì vedremo gente che va e viene rilassata. Tutto in Chauen è realizzato con morbidezza e semplicità.

La città fu fondata nel 1471 da Ali Ben Rachid sul sito di una piccola città berbera. La sua popolazione originaria era composta principalmente da esuli di al-Andalus, sia musulmani che ebrei, per questo motivo la parte vecchia della città ha un aspetto molto simile a quello dei villaggi andalusi, Chauen è stata per secoli una città considerata sacra, dove l’ingresso era vietato agli stranieri. Per questo motivo è stato mantenuto con poche modifiche tutta la sua fisionomia medievale. Secondo la tradizione, Chauen assomigliava alla città andalusa di Vejer de la Frontera, (nella provincia di Cadice) da quando Ali Ben Rachid aveva promesso alla moglie Lalla Zahra (una nobildonna spagnola convertita all’Islam) che la città assomiglierà alla sua città natale, Vejer, e così è stato.

Visita alla città berbera di Azrou e al suo mercato

Azrou è una città berbera situata nel Medio Atlante e si distingue per il suo ambiente naturale. Nelle vicinanze si trovano alcune delle foreste e degli alberi più longevi del paese. Azrou, che in lingua berbera significa “pietra”, è famosa per i suoi coloratissimi tappeti e disegni geometrici realizzati a mano dalle diverse tribù berbere delle montagne del Medio Atlante. Si mette in evidenza la medina o città vecchia con disegni architettonici unici nel suo stile. Il colore verde brillante delle piastrelle, delle porte e dei serramenti è un’attrazione che attirerà la nostra attenzione. All’interno della medina si possono vedere laboratori artigianali di tappeti e sculture in legno. Il giorno di mercato principale si svolge il Giovedi è uno dei più importanti della regione, se siamo a Fez è una buona occasione per fare una gita ad Azru, una delle città berbere più interessanti e poco conosciute tra i turisti che certamente non ci lasceranno indifferenti.

Desierto-ventana-marruecos
Meknes-bab-mansour-marruecos
Rabat-mausoleo-hassan-ii
Volubilis
Fez-puerta-marruecos
Ifran-macaco-del-atlas-medio
Artesania-souk-marruecos
Xaouen-calle
Fez-curtidores-marruecos
Azrou

Condizioni di viaggio

  • Inizio e fine del viaggio: Fez
  • Durata: 1 giorno

Include

  • Pick up in hotel e trasferimento in hotel.
  • Trasporto in 4×4 o minibus
  • Autista
  • Carburante

Non include

  • Pasti
  • Bevande
  • Biglietti
  • Assicurazione di viaggio
  • Suggerimenti e cosa non è nel programma

Escursione da Fez al deserto. 3 giorni / 2 notti

Giorno 1
Fez  / Gole del Todraa

Partenza in mattinata presto da Fez attraversando le montagne dell’Atlante in direzione delle Gole del Todra.

Passando attraverso le montagne dell’Alto Medioevo, fino all’Alto Atlante, durante il viaggio faremo una sosta nel villaggio di Imichil, situato in un altopiano dell’Alto Atlante a più di 2200 m. di altitudine. Si tratta di una zona molto ricca di pascoli irrigati dall’Assif Melloul e qui sono sparsi in piccoli villaggi, le tribù berbere più ancestrali del paese. Da qui si parte per una strada di montagna che conduce alle Gole del Todra attraverso lo spettacolare passo di Tizi-n-Tirherhoucine. Partiremo dalle Gole del fiume Todra, all’estremità settentrionale dove le pareti calcaree che lo delimitano salgono a trecento metri di altezza e separati in qualche tratto da appena venti metri, il suo punto più stretto è largo una decina di metri. Pernotteremo in un hotel situato nel palmeto della città di Tinerhir, ai piedi dell’Alto Atlante orientale.

Giorno 2
Tinerhir / Merzouga

Prima colazione e partenza da Tinerhir, una delle porte naturali che collegano l’Atlante con il Sahara a Merzouga, un piccolo villaggio nel sud-est del Marocco situato ai piedi del Grande Erg Chebi, deserto del Sahara. All’arrivo a Merzouga, lasceremo il 4×4 e cavalcheremo i cammelli che ci porteranno sulle alte dune per goderci un tramonto indimenticabile. Merzouga è anche conosciuta come “La Porta delle Dune”. Arrampicarsi sulle dune e guardare il tramonto e l’alba sono alcune esperienze che non ci lasciano certamente indifferenti. Passeremo la notte in una tenda berbera e gusteremo una cena tradizionale accompagnata dal suono del tam-tam, nel cuore più autentico del deserto.

Giorno 3
Merzouga / Fez

Dopo aver visto l’alba sulle dune, ritorneremo a Merzouga con i cammelli, dove faremo colazione e ritorneremo a Fez attraverso l’impressionante valle di Ziz. Viaggeremo attraverso le sue maestose gole con incredibili paesaggi di montagne delimitate da oasi e fortificazioni. Attraverseremo il passo dell’Alto Atlante di Tzi n’Talrhmeht, conosciuto come il “passo del cammello” che ci porterà a Midelt, dove faremo una breve sosta nelle famose foreste di cedri del Medio Atlante, qui vive una delle ultime comunità di scimmie barbaresche, una specie di macaco che si può vedere solo qui e a Gibilterra. Dopo una passeggiata andremo a Fes, e la fine dei nostri servizi.

Todra-garganta
Desierto-merzouga-dromedarios-marruecos
Fez-puerta-marruecos

Condizioni di viaggio

  • Inizio e fine del viaggio: Fez
  • 3 giorni / 2 notti

Include

  • Trasporto in 4×4 o minibus
  • Autista
  • Carburante
  • Escursione su cammelli
  • Notte in tenda con cena e prima colazione

Non include

  • Pranzo a mezzogiorno
  • Bevande
  • Biglietti
  • Assicurazione di viaggio
  • Suggerimenti e cosa non è nel programma

Escursione da Fez al deserto. 4 giorni / 3 notti

Giorno 1
Fez  / Imichil / Gole del Todra

Partenza in mattinata presto da Fez attraversando le montagne dell’Atlante in direzione delle Gole del Todra attraverso le Alte Montagne Medie fino all’Alto Atlante, durante il viaggio faremo una sosta nel villaggio di Imichil, situato in un altopiano dell’Alto Atlante a più di 2200 m. di altitudine. Si tratta di una zona molto ricca di pascoli irrigati dall’Assif Melloul e qui sono sparsi in piccoli villaggi, le tribù berbere più ancestrali del paese. Visiteremo il famoso lago di Tizlit, il lago della sposa che accanto al lago dello sposo Isli, qualcosa di più lontano, è stata creata una bella leggenda d’amore.

La leggenda narra che due giovani amanti, non potevano sposarsi a causa dell’opposizione delle rispettive famiglie, che fece sì che entrambi andassero separatamente in montagna con le loro greggi, c’erano così tante lacrime che provenivano dai loro occhi che formavano i due laghi che si trovano nelle vicinanze di Imilchil, il Tisli e l’Isli.

Da qui si prende una strada di montagna che conduce alle Gole del Todra attraverso lo spettacolare passo Tizi-n-Tirherhoucine. Lasciamo le Gole del fiume Todra all’estremità settentrionale, dove le pareti calcaree che la delimitano si innalzano fino a trecento metri di altezza e sono separate in qualche tratto da una ventina di metri, con il punto più stretto largo una decina di metri. Pernotteremo in un hotel situato nel palmeto della città di Tinerhir, ai piedi dell’Alto Atlante orientale.

Giorno 2
Tinerhir / Ramlia

Faremo colazione e lasceremo Tinerhir, una delle porte naturali che comunicano l’Atlante con il Sahara verso l’oasi di Ramlia, passeremo attraverso bellissimi paesaggi sahariani, lì vedremo qualche altro campo di famiglie nomadi berbere haimas con le loro mandrie di capre e cammelli …. “tutto sa di Sahara”, arriveremo all’oasi di Ramlia, un’oasi di palme nella regione del Tafilalt, situata a sud-est dell’Erg Chebbi (deserto del Sahara), vicino al confine algerino-marocchino. Visiteremo il palmeto annaffiato da una tradizionale tergua o canale costruito a mano, “senza acqua non c’era vita nel deserto” e godremo dell’ospitalità che caratterizza la sua gente. Gli abitanti dell’oasi di Ramlia sono antichi nomadi, tutti appartengono alla tribù degli Aït Khebbach, che fa parte del grande gruppo Amazigh dell’Ait Atta del deserto del Sahara sud-est del Marocco. Dopo aver ammirato il tramonto sulle dune soggiorneremo in un hotel in mezzo al deserto dove ci godremo una cena tradizionale e un dopocena allietato dai suoni del tam tam tam tam tam.

Giorno 3
Deserto / Deserto

Faremo colazione e ci dirigeremo verso Merzouga, un piccolo villaggio nel sud-est del Marocco situato ai piedi del Grande Erg Chebi, deserto del Sahara. All’arrivo a Merzouga, lasceremo il 4×4 e cavalcheremo i cammelli che ci porteranno sulle alte dune per goderci un tramonto indimenticabile. Merzouga è anche conosciuta come “La Porta delle Dune”. Arrampicarsi sulle dune e guardare il tramonto e l’alba sono alcune esperienze che non ci lasciano certamente indifferenti. Pernotteremo in un hotel ai piedi delle dune.

Giorno 4
Deserto / Fez

Ci alzeremo presto e ritorneremo a Fez attraverso l’impressionante valle di Ziz. Viaggeremo attraverso le sue maestose gole con incredibili paesaggi di montagne fiancheggiate da oasi e fortificazioni di fango. Attraverseremo il passo dell’Alto Atlante di Tzi n’Talrhmeht, conosciuto come il “passo del cammello” che ci porterà a Midelt, continueremo a Ifrane, dove faremo una breve sosta nelle famose foreste di cedri del Medio Atlante, qui vive una delle ultime comunità di scimmie barbaresche, una specie di macaco che si può vedere solo qui e a Gibilterra. Dopo una passeggiata andremo a Fes, e la fine dei nostri servizi.

Desierto-viaje-marruecos
Valle-ziz-marruecos
Garganta-del-dades-marruecos
Kasbah-atlas-benhaddou-marruecos
Ifran-macaco-del-atlas-medio
Fes-curtidores-marruecos

Condizioni di viaggio

  • Inizio e fine del viaggio: Fez
  • 4 giorni / 3 notti

Include

  • Trasporto in 4×4 o minibus
  • Autista
  • Carburante
  • Escursione su cammelli
  • Notte in tenda con cena e prima colazione
  • Hotel in mezza pensione: Cena e prima colazione

Non include

  • Pranzo a mezzogiorno
  • Bevande
  • Biglietti
  • Assicurazione di viaggio
  • Suggerimenti e cosa non è nel programma

Escursione da Fez al deserto. 5 giorni / 4 notti

Giorno 1
Fez  / Imichil / Gole del Dades

Partenza in mattinata presto da Fez attraversando le montagne dell’Atlante in direzione delle Gole del Dades.

Il percorso è attraverso il Medio Alto Adige, fino all’Alto Atlante, durante il viaggio faremo una sosta nel villaggio di Imichil, situato in un altopiano dell’Alto Atlante a più di 2200 m. di altitudine. Si tratta di una zona molto ricca di pascoli irrigati dall’Assif Melloul e qui sono sparsi in piccoli villaggi, le tribù berbere più ancestrali del paese. Visiteremo il famoso lago di Tizlit, il lago della sposa che accanto al lago dello sposo Isli, qualcosa di più lontano, è stata creata una bella leggenda d’amore.
La leggenda narra che due giovani amanti non potevano sposarsi a causa dell’opposizione delle rispettive famiglie, che li spinse entrambi ad andare separatamente in montagna con le loro greggi, c’erano così tante lacrime che provenivano dai loro occhi che formavano i due laghi che si trovano nelle vicinanze di Imilchil, il Tisli e l’Isli.

Da qui partiamo verso Agoudal dove prenderemo un impressionante sentiero di alta montagna fino ad arrivare a Msemrir dove iniziano le Gole del fiume Dades fino ad arrivare a Boulmane, in totale 60 km di distanza, l’autostrada forma profonde e splendide gole per dove passa il fiume Dades, con formazioni rocciose inimmaginabili, vedremo la famosa formazione rocciosa “la tartaruga”, una sorta di meandro a forma di tartaruga che il fiume ha scavato nella montagna, e la gola di Tamlat, dove le rocce acquisiscono curiose forme geometriche dall’erosione del vento, popolarmente denominata “dita di scimmia”. Lungo il percorso ci fermeremo per osservare la gola in diversi punti panoramici. Arriveremo nel tardo pomeriggio e soggiorneremo in un hotel situato nelle stesse gole.

Giorno 2
Gole del Dades / Oasi di Ramlia

Faremo colazione e lasceremo il Dades, verso l’oasi di Ramlia, passeremo attraverso bellissimi paesaggi sahariani, ci vedremo qualche altro campo di haimas di famiglie nomadi berbere con le loro mandrie di capre e cammelli….. “tutto sa di Sahara”, arriveremo all’oasi di Ramlia, un’oasi di palme della regione del Tafilalt, situata nel sud-est dell’Erg Chebbi (deserto del Sahara), vicino al confine tra Algeria e Marocco. Visiteremo il palmeto annaffiato da una tradizionale tergua o fosso costruito manualmente, “senza acqua non c’era vita nel deserto” e godremo dell’ospitalità che caratterizza la sua gente. Gli abitanti dell’oasi di Ramlia sono antichi nomadi, tutti appartengono alla tribù degli Aït Khebbach, che fa parte del grande gruppo Amazigh dell’Ait Atta del deserto del Sahara sud-est del Marocco. Dopo aver ammirato il tramonto sulle dune soggiorneremo in un hotel in mezzo al deserto dove gusteremo una cena tradizionale e una tavola decorata con i suoni del tam tam tam tam tam.

Giorno 3
Ramlia / Merzouga

Ci alzeremo presto per vedere l’alba sulle dune, e dopo una buona colazione ci dirigiamo a Merzouga, un piccolo villaggio nel sud-est del Marocco situato ai piedi del Grande Erg Chebi, deserto del Sahara. Partiremo dal 4×4 e faremo un’escursione con i cammelli che ci porterà alle grandi dune del deserto, dove godremo di un tramonto indimenticabile. Merzouga è anche conosciuta come “La porta delle Dune”.
Pernottamento in un hotel situato nel deserto.

Giorno 4
Merzouga / Rissani / Ksars del Tafilalat / Erfoud

Dopo la prima colazione partiremo per Rissani, a 35 km da Merzouga, visiteremo il mercato, uno dei più colorati del sud del Marocco e un importante centro commerciale frequentato da gente del deserto. Il mercato di Rissani è ancestrale, in cui ci sono artigiani del legno, vendita di bestiame, di spezie….. qui potremo vedere il curioso Parcheggio degli asini, dove le persone che vanno al mercato tengono qui gli animali.

Rissani è anche un luogo di incontro per collezionisti, cacciatori di fossili e ricercatori; nelle sue vicinanze si trovano numerose cave minerali e depositi di fossili.
Storicamente Rissani era un regno a sua volta tra l’VIII e il XIV secolo, conosciuto come Siyilmasa e molto importante nella zona grazie alle carovane transahariane e al movimento commerciale che esisteva a quel tempo, rivaleggiando con Fez e Marrakech. Da qui provenivano grandi carovane di cammelli che esportavano metalli, tessuti e datteri in Sudan e Guinea.

Ibn Battuta durante il suo viaggio in Mali nel 1352 si riferisce:
Sono arrivato nella città di Siyilmasa, che è una delle più belle e abbondanti in date eccellenti, in cui la città di Bassora le assomiglia, ma quelle di Siyilmasa sono migliori (. . . .) ho acquistato cammelli e mi sono messo in viaggio in una carovana dove viaggiavano molti mercanti di Siyilmasa. . . . .

Dopo pranzo visiteremo alcuni degli Zar di Tafilalt. Nel centro di Rissani visiteremo lo Zar AbouAm, una delle poche fortezze di fango completamente abitate. Il Ksar El Maadid, anch’esso abitato e circondato da un muro di adobe, all’interno vedremo un labirinto di stradine strette, alcune delle quali coperte. Ksar Oulad Oulad Abd El Halim, che per molti anni è stata la residenza del rappresentante del sultano nell’oasi, comprende un quartiere dove vivevano gli schiavi e un altro per le gerarchie, oltre al palazzo stesso. Se abbiamo un po’ di tempo libero avremo la possibilità di visitare un laboratorio dove si lavora con fossili e minerali, molto abbondanti nella zona. Pernottamento in hotel

Giorno 5
Erfoud / Fez

Dopo la prima colazione ritorneremo a Fez attraverso l’impressionante valle di Ziz. Viaggeremo attraverso le sue maestose gole con incredibili paesaggi di montagne delimitate da oasi e fortificazioni. Attraverseremo il passo dell’Alto Atlante Tzi n’Talrhmeht, conosciuto come il “passo del cammello” che ci porterà a Midelt, e da qui a Ifran dove faremo una breve sosta nelle famose foreste di cedri del Medio Atlante, qui vive una delle ultime comunità di scimmie barbaresche, una specie di macaco che si può vedere solo qui e a Gibilterra. Dopo una passeggiata andremo a Fes, e la fine dei nostri servizi.

Desierto-ventana-marruecos
Garganta-del-dades-marruecos
Fez-patrimonio-humanidad
Desierto-merzouga-dromedarios-marruecos
Rissani
Valle-ziz-marruecos
Desierto-viaje-marruecos
Ifran-macaco-del-atlas-medio
Kasbah-atlas-benhaddou-marruecos

Condizioni di viaggio

  • Inizio e fine del viaggio: Fez
  • 5 giorni / 4 notti

Include

  • Trasporto in 4×4 o minibus
  • Autista
  • Carburante
  • Escursione su cammelli
  • Notte in tenda con cena e prima colazione
  • Hotel in mezza pensione: Cena e prima colazione

Non include

  • Pranzo a mezzogiorno
  • Bevande
  • Biglietti
  • Assicurazione di viaggio
  • Suggerimenti e cosa non è nel programma

7 giorni da Fez. Deserto, Kasbah e che termina a Marrakech

Giorno 1
Fes / Merzouga

Dopo la prima colazione lasceremo Fes in direzione di Ifrane, un paese situato nel Medio Atlante in una zona montuosa a 1713 metri di altitudine e con un clima freddo, che ha influenzato il soprannome della piccola Svizzera africana, lasciando Ifrane, prenderemo la strada per Midelt, dove faremo una breve sosta nelle famose foreste di cedri del Medio Atlante, dove vive una delle ultime comunità di scimmie barbaresche, una specie di macaco che si può vedere solo qui e a Gibilterra. Seguiremo il percorso attraverso l’impressionante valle del fiume Ziz.

Il percorso della valle di Ziz si snoda attraverso gole calcaree delimitate da alte palme da datteri e mescolate alle costruzioni di case di adobe, il che rende il luogo uno spettacolo affascinante per i nostri occhi.

Il fiume Ziz nasce nell’Alto Atlante e scava la sua strada attraverso impressionanti scogliere, dirigendosi verso sud, dove si innaffia l’immenso palmeto di Tafilalet. L’acqua segna il percorso verso il deserto, lì si perde dopo aver attraversato più di 270 km. Nel pomeriggio arriveremo a Merzouga, conosciuta con “la porta delle dune”, un piccolo villaggio nel sud-est del Marocco situato ai piedi del Grande Erg Chebi, (deserto del Sahara). Ai piedi delle dune lasceremo il 4×4 e cavalcheremo i cammelli che ci porteranno alle alte dune del deserto per godere di un tramonto indimenticabile. Cena e pernottamento in hotel ai piedi delle stesse dune.

Giorno 2
Merzouga / Rissani / Deserto

Dopo la prima colazione partiamo per Rissani, a 35 km da Merzouga, visiteremo il colorato mercato, un importante centro commerciale frequentato da gente del deserto. Il mercato di Rissani è ancestrale, in cui ci sono artigiani del legno, vendita di bestiame, di spezie….. qui potremo vedere il curioso Parcheggio degli asini, dove le persone che vanno al mercato tengono qui gli animali.

Rissani è anche un luogo di incontro per collezionisti, cacciatori di fossili e ricercatori; nelle sue vicinanze si trovano numerose cave minerali e depositi di fossili.
Storicamente Rissani era un regno a sua volta tra l’VIII e il XIV secolo, conosciuto come Siyilmasa e molto importante nella zona grazie alle carovane transahariane e al movimento commerciale che esisteva a quel tempo, rivaleggiando con Fez e Marrakech. Da qui provenivano grandi carovane di cammelli che esportavano metalli, tessuti e datteri in Sudan e Guinea.

Ibn Battuta durante il suo viaggio in Mali nel 1352 si riferisce:
Sono arrivato nella città di Siyilmasa, che è una delle più belle e abbondanti in date eccellenti, in cui la città di Bassora le assomiglia, ma quelle di Siyilmasa sono migliori (. . . .) ho acquistato cammelli e mi sono messo in viaggio in una carovana dove viaggiavano molti mercanti di Siyilmasa. . . . .

Nel centro di Rissani visiteremo il ksar AbouAm, una delle poche fortezze di fango totalmente abitate.

Nel pomeriggio rimproveriamo la strada del deserto e passiamo la notte in una tenda berbera e godiamoci una cena tradizionale accompagnata dal suono del tam-tam (tam-tam), nel cuore più autentico del deserto.

Giorno 3
Deserto / Ramlia

Ci alzeremo presto per vedere il sorgere del sole tra le dune, e dopo una buona colazione andremo all’oasi di Ramlia, un’oasi di palme della regione del Tafilalt, situata nel sud-est dell’Erg Chebbi (deserto del Sahara), vicino al confine tra Algeria e Marocco. Visiteremo il palmeto annaffiato da una tradizionale tergua o canale costruito manualmente, “senza acqua non c’era vita nel deserto” e godremo dell’ospitalità che caratterizza la sua gente. Gli abitanti dell’oasi di Ramlia sono antichi nomadi, tutti appartengono alla tribù degli Aït Khebbach, che fa parte del grande gruppo Amazigh dell’Ait Atta del deserto del Sahara sud-est del Marocco. Dopo aver ammirato il tramonto sulle dune soggiorneremo in un hotel in mezzo al deserto dove ci godremo una cena tradizionale e un dopocena allietato dai suoni del tam tam tam tam tam.

Cena e pernottamento in un hotel situato nel cuore del deserto più puro.

Giorno 4
Ramlia / Agdz / Ouarzazate

Faremo colazione e prenderemo la pista desertica attraverso la quale è passato il percorso del rally Parigi-Dakar. A mezzogiorno arriveremo nella città di Agdz, la cui traduzione letterale sarebbe “luogo di riposo”. In passato, Agdz era uno dei punti di sosta per le carovane che collegavano Marrakech e Timbuktu, la porta d’ingresso alla valle del fiume Draa e un’area di buone date. Visiteremo il villaggio di Tamenougalt, l’antica capitale dell’Amazigh (berbero), i primi abitanti del Marocco, e poi partiremo per Ouarzazate, che in lingua berbera significa “senza rumore”. Ouarzazate è anche conosciuto come “La Hollywood dell’Africa”. In città ci sono diversi studi cinematografici tra cui uno dei più grandi del mondo, gli Atlas Studios. Pernottate in albergo.

Giorno 5
Ouarzazate / Ait Ben Haddou / Valle de Ounila / Marrakech

Dopo la prima colazione continueremo il nostro percorso attraverso le montagne dell’Alto Atlante per raggiungere la città fortificata, o kasbah di Ait-Ben-Haddou, fondata all’epoca della rotta delle carovane tra il deserto del Sahara e l’attuale città di Marrakech. Le kasbah erano grandi villaggi con mura berbere, progettati per difendere il raccolto e i palmeti che crescono lungo i loro letti.

Ait-Ben-Haddou è stato protetto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità dal 1987. Grazie alla bellezza del suo ambiente con paesaggi naturali mozzafiato, qui vengono girati numerosi film. Dopo la visita kasbah, attraverseremo l’Atlante attraverso la valle di Ounila, inclusa nell’oasi del sud del Marocco come patrimonio dell’umanità, abitata interamente da tribù berbere. Durante il nostro tour vedremo decine di kasbah dove un tempo, al tempo delle carovane, gli abitanti di queste kasbah offrivano vitto e alloggio ai viaggiatori. Dalla valle di Ounila si accede al passo Tizi-N-Tichka, a 2.260 metri di altitudine, il punto più alto dell’Alto Atlante, e da qui a Marrakech. “La citta’ delle mille e una notte. Pernottamento in hotel.

Giorno 6
Marrakech

Marrakech è, insieme a Meknes, Fez e Rabat, una delle quattro città imperiali del Marocco. Marrakech fu fondata nel 1062 da Youssef Ibn Tachfin, il primo emiro della dinastia berbera degli Almoravidi, e fu la capitale dell’Impero Islamico.

Marrakech è una delle città più importanti del Marocco, e si trova nel sud del paese, ai piedi dell’Atlante. Ha numerosi monumenti Patrimonio dell’Umanità, che ne fanno la principale attrazione turistica del paese.

Pick up in hotel all’orario concordato e inizio della visita a Marrakech nella piazza della Moschea Koutoubia, accanto alla piazza della Jamaa el Fna, da qui si entra nella Medina catalogata dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, si percorrono le vie del souk e si visitano le principali attrazioni storiche che ospitano la Medina. Le tombe Saadi, la Medersa Ben Youssef, il Palazzo El Badi. All’uscita della Medina prenderemo un tè alla menta in alcune delle terrazze della vivace piazza Jamaa el Fna, “un mondo in una piazza”, dichiarata Patrimonio Orale dell’Umanità dall’UNESCO, tutto a Marrakech ruota intorno alla piazza, in questo spazio pubblico si incontrano riempiendola di colore e cultura; musicisti, narratori, incantatori di serpenti, ballerini, dentisti, venditori di succhi di frutta, acrobati, scrittori di lettere, portatori d’acqua, venditori di erbe medicinali. . .

Pomeriggio libero per il vostro divertimento. Una buona opzione è quella di avvicinarsi alla piazza Jamaa el Fna al crepuscolo, e da alcune delle alte terrazze della piazza si osserva mentre si guarda mentre si riempie lentamente, la piazza si riempie di bancarelle di cibo illuminate da centinaia di luci, e quando cala la notte, un numero infinito di persone si riuniscono per mangiare.

Giorno 7
Marrakech / Destino.

Al momento concordato trasferimento all’aeroporto e fine dei nostri servizi.

Desierto-merzouga-dromedarios-marruecos
Fez-patrimonio-unesco-marruecos
Valle-ziz-marruecos
Marrakech-koutoubia-marruecos
Mercado-rissani-marruecos
Ounila-kasbah-adobe-marruecos
Ifran-macaco-del-atlas-medio
Kasbah-atlas-benhaddou-marruecos
Fez-curtidores-marruecos
Desierto-ventana-marruecos
Fez-patrimonio-humanidad
Fez-puerta-marruecos
Desierto-subiendo-las-dunas-marruecos

Condizioni di viaggio

  • Inizio e fine del viaggio: Fez – Marrakech
  • 7 giorni / 6 notti

Include

  • Trasporto in 4×4
  • Autista
  • Carburante
  • Escursione su cammelli
  • Notte in tenda con cena e prima colazione
  • Hotel in mezza pensione: Cena e prima colazione

No include

  • Pranzo e cena a Marrakech
  • Bevande
  • Biglietti
  • Assicurazione di viaggio
  • Suggerimenti e cosa non è nel programma

7 giorni da Fez. Deserto, Gole e termina a Marrakech

Gorno 1
Fes / Merzouga

Dopo la prima colazione lasceremo Fes in direzione di Ifrane, un paese situato nel Medio Atlante in una zona montuosa a 1713 metri di altitudine e con un clima freddo, che ha influenzato il soprannome della piccola Svizzera africana, lasciando Ifrane, prenderemo la strada per Midelt, dove faremo una breve sosta nelle famose foreste di cedri del Medio Atlante, dove vive una delle ultime comunità di scimmie barbaresche, una specie di macaco che si può vedere solo qui e a Gibilterra. Seguiremo il percorso attraverso l’impressionante valle del fiume Ziz.

Il percorso della valle di Ziz si snoda attraverso gole calcaree delimitate da alte palme da datteri e mescolate alle costruzioni di case di adobe, il che rende il luogo uno spettacolo affascinante per i nostri occhi.

Il fiume Ziz nasce nell’Alto Atlante e scava la sua strada attraverso impressionanti scogliere, dirigendosi verso sud, dove si innaffia l’immenso palmeto di Tafilalet. L’acqua segna il percorso verso il deserto, lì si perde dopo aver attraversato più di 270 km. Nel pomeriggio arriveremo a Merzouga, conosciuta con “la porta delle dune”, un piccolo villaggio nel sud-est del Marocco situato ai piedi del Grande Erg Chebi, (deserto del Sahara). Ai piedi delle dune lasceremo il 4×4 e cavalcheremo i cammelli che ci porteranno alle alte dune del deserto per godere di un tramonto indimenticabile. Cena e pernottamento in hotel ai piedi delle stesse dune.

Giorno 2
Merzouga / Rissani / Deserto

Dopo la prima colazione partiamo per Rissani, a 35 km da Merzouga, visitiamo il colorato mercato, un importante centro commerciale frequentato da gente del deserto. Il mercato di Rissani è ancestrale, in cui ci sono artigiani del legno, vendita di bestiame, di spezie….. qui potremo vedere il curioso Parcheggio degli asini, dove le persone che vanno al mercato tengono qui gli animali.

Rissani è anche un luogo di incontro per collezionisti, cacciatori di fossili e ricercatori; nelle sue vicinanze si trovano numerose cave minerali e depositi di fossili.
Storicamente Rissani era un regno a sua volta tra l’VIII e il XIV secolo, conosciuto come Siyilmasa e molto importante nella zona grazie alle carovane transahariane e al movimento commerciale che esisteva a quel tempo, rivaleggiando con Fez e Marrakech. Da qui provenivano grandi carovane di cammelli che esportavano metalli, tessuti e datteri in Sudan e Guinea.

Ibn Battuta durante il suo viaggio in Mali nel 1352 si riferisce:
Sono arrivato nella città di Siyilmasa, che è una delle più belle e abbondanti in date eccellenti, in cui la città di Bassora le assomiglia, ma quelle di Siyilmasa sono migliori (. . . .) ho acquistato cammelli e mi sono messo in viaggio in una carovana dove viaggiavano molti mercanti di Siyilmasa. . . . .

Nel centro di Rissani visiteremo il ksar AbouAm, una delle poche fortezze di fango totalmente abitate.

Nel pomeriggio rimproveriamo la strada del deserto e passiamo la notte in hotel e godiamoci una cena tradizionale accompagnata dal suono del tam-tam (tam-tam), nel cuore più autentico del deserto.

 Giorno 3
Deserto / Ramlia

Ci alzeremo presto per vedere il sorgere del sole tra le dune, e dopo una buona colazione andremo all’oasi di Ramlia, un’oasi di palme della regione del Tafilalt, situata nel sud-est dell’Erg Chebbi (deserto del Sahara), vicino al confine tra Algeria e Marocco. Visiteremo il palmeto annaffiato da una tradizionale tergua o canale costruito manualmente, “senza acqua non c’era vita nel deserto” e godremo dell’ospitalità che caratterizza la sua gente. Gli abitanti dell’oasi di Ramlia sono antichi nomadi, tutti appartengono alla tribù degli Aït Khebbach, che fa parte del grande gruppo Amazigh dell’Ait Atta del deserto del Sahara sud-est del Marocco.

Cena e pernottamento in un hotel situato nel cuore del deserto più puro.

Giorno 4
Oasi Ramlia / Gole del Todra / Gole del Dades

Dopo la prima colazione, prenderemo la direzione di Alnif per raggiungere la città di Tinerhir, situata in un’ampia valle bagnata dal fiume Todra che porta l’acqua di irrigazione ai numerosi appezzamenti coltivati all’ombra del palmeto. Il palmeto di Tinerhir, lungo più di trenta chilometri, si estende a sud delle gole del fiume Todra, una delle porte naturali che comunicano l’Atlante con il Sahara, essendo una delle più belle oasi della regione.

Le Gole del fiume Todra si trovano all’estremità settentrionale del palmeto di Tinerhir, ai piedi dell’Alto Atlante orientale. A poco a poco questo palmeto si restringe, e le pareti di roccia calcarea che lo delimitano si innalzano fino a trecento metri di altezza e separati in qualche tratto da una ventina di metri, essendo il suo punto più stretto largo una decina di metri. Da qui andremo alle Gole del fiume Dades. Cena e pernottamento in un hotel situato nelle gole.

Giorno 5
Gole del Dades / Marrakech

Dopo la prima colazione, visiteremo le Gole del Dades, una profonda gola del fiume Dades, tra le città di Boumalne e Msemrir. Il fiume Dades nasce nell’Alto Atlante e si restringe fino a formare le gole omonime che, secondo i locali, nascondono fino a mille kasbah. L’area è popolata principalmente da membri di diverse tribù imazighen (berberi).
Prima di arrivare a Boumalne, nella gola di Tamlat, le rocce acquistano curiose forme geometriche per l’erosione del vento, popolarmente denominate “dita di scimmia”, da qui seguiremo la rotta verso Marrakech dal porto di Tichka Tizin, il punto più alto della catena montuosa dell’Alto Atlante, la strada passa per il territorio di Amazigh (Bereber) con panorami impressionanti, fino ad arrivare a Marrakech, “la città delle Mille e una notte”. Pernottamento in hotel.

Giorno 6
Marrakech

Marrakech è, insieme a Meknes, Fez e Rabat, una delle quattro città imperiali del Marocco. Marrakech fu fondata nel 1062 da Youssef Ibn T achfin, il primo emiro della dinastia berbera Almoravid, e fu la capitale dell’Impero Islamico.

Marrakech è una delle città più importanti del Marocco, e si trova nel sud del paese, ai piedi dell’Atlante. Ha numerosi monumenti Patrimonio dell’Umanità, che ne fanno la principale attrazione turistica del paese.

Pick up in hotel all’orario concordato e inizio della visita a Marrakech nella piazza della Moschea Koutoubia, accanto alla piazza della Jamaa el Fna, da qui si entra nella Medina catalogata dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, si percorrono le vie del souk e si visitano le principali attrazioni storiche che ospitano la Medina. Le tombe Saadi, la Medersa Ben Youssef, il Palazzo El Badi. All’uscita della Medina prenderemo un tè alla menta in alcune delle terrazze della vivace piazza Jamaa el Fna, “un mondo in una piazza”, dichiarata Patrimonio Orale dell’Umanità dall’UNESCO, tutto a Marrakech ruota intorno alla piazza, in questo spazio pubblico si incontrano riempiendola di colore e cultura; musicisti, narratori, incantatori di serpenti, ballerini, dentisti, venditori di succhi di frutta, acrobati, scrittori di lettere, portatori d’acqua, venditori di erbe medicinali.

Pomeriggio libero per il vostro divertimento. Una buona opzione è quella di avvicinarsi alla piazza Jamaa el Fna al crepuscolo, e da alcune delle alte terrazze della piazza si osserva mentre si guarda mentre si riempie lentamente, la piazza si riempie di bancarelle di cibo illuminate da centinaia di luci, e quando cala la notte, un numero infinito di persone si riuniscono per mangiare.

Giorno 7
Marrakech / Destino

Al momento concordato trasferimento all’aeroporto e fine dei nostri servizi.

Valle-ziz-marruecos
Gargantas-del-ziz
Fez-transporte-medina-marruecos
Fez-puerta-marruecos
Desierto-viaje-marruecos
Mercado-rissani-marruecos
Garganta-del-dades-marruecos
Todra-garganta
Hotelramlia
Fes-curtidores-marruecos
Fez-patrimonio-humanidad
Marrakech-koutoubia-marruecos

Condizioni di viaggio

  • Inizio e fine del viaggio: Fez – Marrakech
  • 7 giorni / 6 notti

Include

  • Trasporto in 4×4
  • Autista
  • Carburante
  • Escursione su cammelli
  • Notte in tenda con cena e prima colazione
  • Hotel in mezza pensione: Cena e prima colazione

No include

  • Pranzo e cena a Marrakech
  • Bevande
  • Biglietti
  • Assicurazione di viaggio
  • Suggerimenti e cosa non è nel programma
Viaggi Marocco, itinerari 4x4 nel deserto, tour di Marrakech e molto altro ancora ... Siamo esperti in viaggi organizzati dal Marocco alle proprie esigenze